Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Si sta raffreddando

Che cosa dice la Scienza...

Misurazioni sperimentali del calore contenuto nella atmosfera mostrano che il pianeta sta accumulando calore e che il riscaldamento globale è in corso. Le temperature superficiali possono mostrare raffreddamenti di breve periodo quando il calore viene scambiato tra l’atmosfera e gli oceani in quanto questi ultimi hanno una capacità termica molto più grande dell’aria.

Le argomentazioni degli scettici...

Si sta raffreddando

"Il riscaldamento globale è terminato e il raffreddamento è cominciato. Nessun modello climatico ha previsto un raffreddamento della terra - piuttosto il contrario. E questo significa che le proiezioni del clima futuro sono inaffidabili." (fonte: Henrik Svensmark)

Dire che attualmente stiamo sperimentando un raffreddamento globale trascura una semplice realtà fisica - la terra e l'atmosfera sono soltanto una piccola parte del clima della Terra (sebbene la parte che noi abitiamo). Il riscaldamento globale è per definizione globale. L'intero pianeta sta accumulando calore a causa dello sbilanciamento energetico. L'atmosfera si sta riscaldando: Gli oceani stanno accumulando energia. La terra assorbe energia e il ghiaccio calore fino a sciogliersi. Per avere una visione completa del riscaldamento globale, abbiamo bisogno di vedere l'intero contenuto di calore della Terra.

Questa analisi viene svolta in An observationally based energy balance for the Earth since 1950 (Murphy 2009) che somma il contenuto in calore degli oceani, dell'atmosfera, della terra e del ghiaccio. Per calcolare il contenuto totale di calore della Terra, gli autori hanno usato i dati del contenuto di calore degli oceani dei 700 metri più in alto. E hanno incluso il contenuto di calore delle acque più profonde fino a 3000 metri di profondità. Hanno calcolato il contenuto di calore dell'atmosfera usando le registrazioni della temperatura superficiale e la capacità termica della troposfera. Anche il contenuto di calore della terra e del ghiaccio (l'energia richiesta per sciogliere il ghiaccio) sono stati inclusi.


Figura 1: Contenuto totale di calore della Terra dal 1950 (Murphy 2009). I dati oceanici sono presi da Domingues et al. 2008.

Uno sguardo al calore totale della Terra mostra chiaramente che il riscaldamento globale è continuato dopo il 1998. Allora perché le registrazioni della temperature superficiali mostrano il 1998 come l'anno più caldo mai registrato? La Figura 1 mostra che la capacità termica della terra e dell'atmosfera sono piccole in confronto a quella degli oceani (la sottile scheggia marrone di "terra + atmosfera" include anche il calore assorbito per sciogliere il ghiaccio). Quindi, scambi di calore relativamente piccoli tra l'atmosfera e gli oceani possono causare cambi significativi nella temperatura superficiale.

Nel 1998, un El Nino straordinariamente forte ha causato un trasferimento di calore dall'Oceano Pacifico all'atmosfera. Di conseguenza, abbiamo sperimentato temperature superficiali sopra la media. Al contrario, gli ultimi anni hanno visto moderate condizioni de La Nina che hanno un effetto raffreddante sulle temperature globali. E negli ultimi mesi siamo tornati a condizioni più calde di El Nino. Questo ha coinciso con le più calde temperature marine superficiali da Giugno ad Agosto mai registrate. Questa variazione interna in cui il calore viene spostato per tutta la troposfera è la ragione per cui le temperature superficiali hanno un segnale così rumoroso.

La figura 1 sottolinea anche quanto riscaldamento globale sta sperimentando il pianeta. Dal 1970, il calore totale dellla Terra sta crescendo ad una velocità di  6 x 1021 Joules per anno.

In termini più significativi,il pianeta sta accumulando energia ad un ritmo di 190260 gigawatts. Considerando che un tipico impianto nucleare ha una produzione di 1 gigawatt, immaginiamo 190000 impianti di energia nucleare che smaltiscano la loro produzione di energia direttamente nei nostri oceani.

Come facciamo a sapere cosa è successo dal 2003 fino ad adesso? Sfortunatamente, non ci sono serie temporali (per quanto ne so) del calore totale del pianeta fino ai giorni nostri. Comunque, abbiamo un'ottima alternativa. Schuckmann 2009 ha analizzato le misure di temperatura oceanica ottenute dalla rete Argo, costruendo unamappa delcalore contenuto nell'oceano fino a 2000 metri di profondità. Questo è molto più profondo di quanto abbiano fatto altri recenti articoli che si sono concentrati sul calore degli strati più alti dell'oceano, arrivando solo a 700 metri di profondità. Hanno costruito la seguente serie temporale delcalore totale dell'oceano:


Figura 2: Serie temporale del calore medio globale (0–2000 m),misurato in 108 Joules per metro quadro.

Globalmente, gli oceani hanno continuato ad accumulare calore fino alla fine del 2008. Negli ultimi 5 anni, gli oceani stanno assorbendo calore a un ritmo di  0.77 Watts per metro quadro. Combinando questo con i risultati di Murphy 2009, possiamo avere ora una visione di un continuo riscaldamento globale.

Come possiamo confrontare questi valori con altre stime dello sbilancio energetico?  Willis 2004 combina l'altimetria da satellite con lemisure del calore oceanico per trovare un ritmo di riscaldamento oceanico di 0.85 Watts per metro quadro dal 1993al  2003. Hansen 2005, usando i dati del calore oceanico, ha calcolato essere lo sbilancio energetico del pianeta nel 2003 di 0.85 Watts per metroquadro. Trenberth 2009 ha esaminato le misure satellitari della radiazione in entrata e in uscita per il periodo da Marzo 2000 a Maggio 2004 e ha trovato che il pianeta sta accumulando energia a un ritmo di 0.9 Watts per metro quadro.

Tutti questi risultati sono in grande accordo tra loro e tutti trovano uno sbilancio energetico positivo statisticamente significativo. Il nostro clima sta ancora accumulando calore. Il riscaldamento globale sta ancora accadendo.

Translation by lciattaglia, . View original English version.



The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2014 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us