Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Dipende dai gas CFC

Che cosa dice la Scienza...

Sia i modelli che le osservazioni dirette indicano che i clorofluorocarburi (CFC) contribuiscono al riscaldamento globale solamente per una frazione ridotta rispetto agli altri gas serra.

Le argomentazioni degli scettici...

Dipende dai gas CFC

 

"I dati di osservazione mostrano che i CFC, unitamente ai raggi cosmici, congiurano contro l’Ozono Antartico ed il riscaldamento globale…..La quantità complessiva dei CFC, molecole che hanno la capacità di distruggere quelle di ozono, ed hanno anche ben note proprietà di effetto serra, è in diminuzione dal 2000. In corrispondenza di ciò anche le temperature globali superficiali sono scese " (Qing-Bin Lu)
  Un nuovo articolo  Cosmic-ray-driven electron-induced reactions of halogenated molecules adsorbed on ice surfaces: Implications for atmospheric ozone depletion (Lu 2009) esamina il rapporto tra CFC, raggi cosmici e riscaldamento globale. Il nucleo dell’articolo si concentra sul rapporto tra raggi cosmici e riduzione dell’Ozono in Artico ed in Antartide. Si tratta di un lavoro interessante che merita un approfondimento (forse l’oggetto di un successivo post), il ruolo dei raggi cosmici sul Clima  l’abbiamo gia esaminato. Comunque l’affermazione più importante la si trova verso la fine dell’articolo: “questi dati indicano fortemente che la temperatura globale è stata prevalentemente controllata dai livelli di CFC, modulati a loro volta dai raggi cosmici che hanno determinato la riduzione dello strato di Ozono nel secolo scorso”. Lu sta dicendo che l’aumento dell’effetto serra da parte dei CFC è il fattore principale del riscaldamento dei decenni passati. Ma su cosa si basa?

Il Rapporto AR4 dell’IPCC stima che il forcing radiativo dei CFC è pari a 0.33 Wm-2, Ciò equivale al 13% del totale del forcing radiativo dovuto all’aumento dei gas serra (essendo la CO2 il principale). Comunque Lu rifiuta questo valore, obbiettando che il forcing rdiativo dei CFC è calcolato da modelli climatici e non sulla base di osservazioni dirette. Per esaminare la relazione potenziale tra temperatura e CFC, Lu confronta la temperatura globale con l’Equivalente Effettivo di Cloro Stratosferico (EESC), un indice dei CFC atmosferici. Non esistono dati dei EESC prima del 1970, quindi i dati sono estrapolati all’indietro assumendo una crescita costante a partire da zero EESC negli anni1940.

Figura 1: temperatura globale superficiale  (HadCRUT3). La linea continua in nero rappresenta i dati originali osservati. La linea continua rossa è una sua versione lisciata. La linea blu rappresenta l’EESC, una misura della quantità di CFC in atmosfera (Lu 2009).

Lu arguisce che la correlazione tra temperatura globale e CFC è una evidenza che i CFC sono stati il fattore dominante sul Clima del secolo passato. Pur essendoci delle evidenti fluttuazioni di breve periodo tra il 1850 ed il 1950, la temperatura non dà segni evidenti di  crescita in questo lasso di tempo nel quale la CO2 era in aumento. Le temperature cominciano ad aumentare attorno al 1950, quando l’indice EESC comincia ad essere significativo. Infine il EESC raggiunge il suo picco attorno al 2000 per poi scendere negli anni successivi, analogamente alla temperatura del database di HadCRUT3 che mostra raffreddamento nello stesso periodo. Basandosi su questa correlazione, Lu conclude che “questi dati indicano con forte evidenza che la temperatura globale è stata controllata dai livelli dei CFC…del secolo scorso”.


Questa analisi presente alcuni lati critici. Che sia avvenuto un raffreddamento globale negli altimi anni non è poi cosi evidente se esaminiamo attentamente l’insieme completo dei dati sperimentali. Lu usa quelli del HadCRUT che con coprono l’intero globo, le regioni dove si verifica maggiormente il riscaldamento globale sono escluse dal record di HadCRUT. Conseguentemente con i dati di HadCRUT il riscaldamento recente viene ad essere sottostimato. Quando si consideri l’accumulo di energia nell’intero sistema climatico ( specialmente negli oceani dove è prevalente), vediamo che il pianeta ha continuato ad accumulare calore fino a tutto il 2009 (Murphy 2009von Schuckmann 2009). Negli ultimi anni, pur riducendosi il forcing radiativo dei CFC, il pianeta ha mostrato ancora un bilancio complessivo dell’energia positivo.

Il meccanismo fisico tramite il quale i CFC possano imporre un così forte forcing radiativo non viene neppure affrontato. Lu dichiara che il forcing radiativo dei CFC è stato misurato direttamente, poi inizia a fare calcoli di natura statistica per individuare correlazioni. In effetti l’effetto serra causato dai CFC è stato quantificato da misure al suolo nello spettro della radiazione infrarossa  (Evans 2006). I risultati delle osservazioni sono ampiamente sovrapponibili alle previsioni dei modelli sul forcing da effetto serra (sebbene le osservazioni diano un forcing lievemente superiore rispetto ai modelli). La proporzione del forcing  dei CFC rispetto al totale dei gas serra è ancora attorno al 14%, una valutazione molto prossima alla stima della IPCC, 13%.

Figura 2: spettro della radiazione interessata dai gas serra misurato in superficie. Il contributo gas serra del vapore acqueo è stato filtrato al fine di evidenziare solamente gli altri gas serra.(Evans 2006).

Dal grafico di figura 2 si nota che i CFC svolgono un ruolo minoritario nel determinare i cambiamenti della temperatura globale. Sfortunatamente ciò comporta che la recente diminuzione dei CFC avrà un effetto trascurabile sulle temperature globali (se lo avrà). E’ molto più preoccupante l’aumento del forcing radiativo della CO2. L’analisi dello spettro IR di Evans 2006 permette di misurare il calore extra che viene intrappolato a causa dell’aumento della anidride carbonica, il risultato è che il forcing radiativo è pari a 2.1 Wm-² (ancora leggermente più alto rispetto alle previsioni dei modelli). Ciò esonera dal ribattere a quanti continuano a sollevare il problema dei CFC o degli altri meccanismi additati quali causa del riscaldamento globale. Se fosse così che ne sarebbe di tutto il calore intrappolato dalla CO2?

Translation by lciattaglia, . View original English version.



The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2014 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us